“Agriturismo Collalto” Via Collalto – Molvena mercoledì 16 Settembre 2015 alle ore 19,30

Durante la serata il Prof. SNICHELOTTO ci intratterrà sul tema:

“CONFLITTO MONDIALE 1915 – 1918, I MOTIVI DELL’ENTRATA IN GUERRA DELL’ITALIA”

 

DUE PIACEVOLI RITORNI

L’incontro del 15 settembre è stato caratterizzato da due piacevoli ritorni.

PRIMO: ritorno all’agriturismo “COLLALTO”, nonostante un percorso tortuoso che ha visto più di qualche socio perdersi nei meandri delle colline molvenesi (si dice così) ma scelto per la  stupenda visione panoramica  per la riservatezza del luogo con un ambiente riservato esclusivamente a noi (anche se qualche socio ingegner-architetto pensava di consigliare al proprietario un po’ di insonorizzazione, visto che il vivace “ciacolare” della compagnia rintronava alquanto), perché caratterizzata da una buona cucina, genuina e abbondante (anche… troppo abbondante!), che ha soddisfatto anche chi ama il pepato.

SECONDO: ritorno del Professore Guido Snichelotto, tradizionale amico della nostra Associazione che abbiamo avuto ospite altre volte in un lontano passato in particolare lo ricordiamo quale relatore sulla nascita dello stato di ISRAELE e più recentemente quale guida ed esperto commentatore della Traviata e che ci auguriamo di poter ancora ascoltare per altre gite artistico-musicali.

CRONACA DELLA SERATA:il tema della serata era “CONFLITTO MONDIALE 1915_1918 I motivi della entrata in guerra dell’Italia” . Il professore in uno stile gradevole  ha esposto con grande competenza e profonda conoscenza dei fatti il clima che vigeva in Italia dalla sua dichiarazione di neutralità all’entrata in guerra.

Dopo una breve descrizione delle circostanze dell’attentato di Sarajevo in Italia si erano create due correnti,una degli interventisti e una dei neutralisti. In ognuna erano presenti personalità appartenenti a ceti più svariati dai cattolici ai socialisti compreso rivoluzionari e con motivazioni molto diverse fra loro. Il governo italiano si muoveva in modo ambiguo con le varie parti in conflitto arrivando a firmare il trattato di Londra, i cui protagonisti erano costituiti da un gruppo ristretto di persone. L’entrata in guerra dell’Italia ,nonostante la retorica ante e post bellica, in effetti era voluta da una minoranza sia a livello di parlamento che di opinione pubblica,la quale veniva incitata da discorsi e manifestazioni promosse dagli interventisti fra cui molti intellettuali di cui il principale  e appassionato rappresentante era Gabriele D’Annunzio .

Quello che i presenti hanno apprezzato, oltre la descrizione dei fatti è stata l’esposizione,obbiettiva sintetica e anche appassionata , come è nello stile del professor Snichelotto e come ha voluto sottolineare con sincero apprezzamento Roberto Rossi che è stato suo allievo. E’ stata una riunione molto partecipata (49 presenze),con soci che non si vedevano da diverso tempo,tanto da far affermare da qualcuno:”E’ un’associazione ancora viva!!””Nonostante una consistente presenza di persone senior” ha risposto qualcun altro.

Tutto bene , dunque?potremmo dire di sì, anche se a detta di più di qualcuno deve ancora essere raggiunta una miglior programmazione dei tempi della cena e degli interventi, lasciando più spazio alla discussione, ma si sa la perfezione non è di questo mondo.

Un cordiale arrivederci

a tutti i soci

Alferio Crestani

 

 

Mappa Agriturismo Collalto :

Schermata 2015-09-21 alle 17.38.26

16 Settembre 2015 – Conflitto Mondiale 1915 – 1918, I motivi dell’entrata in guerra dell’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *