RESTAURO CONSERVATIVO EDICOLA VOTIVA MADONNA con BAMBINO Via Marinali, Bassano del Grappa

La ditta Artemisia Restauro d’arte, dopo aver effettuato un sopralluogo ed aver esaminato con cura l’opera in soggetto, ha elaborato l’allegato progetto riguardante metodologia e tempi di esecuzione, (relativamente all’affresco e alla zona di supporto).

 

1

TIPOLOGIA D’INTERVENTO SUGGERITA

Oggetto: Edicola votiva ad affresco raffigurante Madonna con Bambino.

Restauro conservativo.

  •   Documentazione fotografica e grafica: prima, durante e dopo l’intervento. Profilo storico ed artistico del manufatto.
  •   Velinatura preventiva di tutte quelle parti a rischio spolverature o cadute.
  •   Asportazione dei depositi di sporco e polvere dalla superficie dipinta dove il colore non presenti problemi di spolvero. mediante l’ausilio di spazzole mediomorbide e microaspirapolveri.
  •   Fissaggio preliminare della pellicola pittorica interessata da problemi dimancanza di coesione e sollevamento del pigmento.
  •   Pulitura della superficie ad impacco con carta giapponese e polpa di cellulosacon soluzione idonea in percentuale. I tempi e i dosaggi saranno scelti in base a

    tasselli di prova.

  •   Preconsolidamento delle zone ad alto rischio di stacco per tutelarle durante leoperazioni a seguire.
  •   Rimozione degli strati di scialbo (tempere) non coevi da effettuarsi conimpacchi di cellulosa e soluzione idonea in percentuale acquosa (previo tasselli di prova dove verranno anche appurate le modalità e le tempistiche più opportune).

2

  •   Rimozione meccanica vecchie stuccature, rasature ed intonaci, deteriorate o esteticamente non idonee.
  •   Rimozione elementi estranei al manufatto, chiodi,ferri pezzi di legno, etc.
  •   Consolidamento della parte strutturale. Preconsolidamento delle parti lapideedecorse o che presentano esfoliazioni o scagliature.
  •   Pulitura di tutte le parti in stucco, mediante impacco di polpa cellulosa consoluzione idonea e con l’aiuto di spazzole di saggina, fibre di vetro, pennelli

    morbidi.

  •   Pulitura e rifinitura di tutte le fughe murali e di tutti i sassi costituenti la paretedi supporto
  •   Consolidamento dell’intonaco al supporto murario
  •   Consolidamento tra i vari strati della parte affrescata
  •   Pulitura della pellicola decorata a secco mediante l’ausilio di spugne Whisciab
  •   Colmatura sotto livello delle piccole lacune all’interno delle parti dipinte conintonaco a base di grassello di calce e sabbia, lisciato e destinato a ricevere

    l’integrazione pittorica (o il sottile strato a base di polvere di marmo).

  •   Colmatura a livello delle lacune maggiori con intonaco a base di grassello, alceidraulica bianca priva di sali e sabbia, incluse le campionature preliminari per

    determinare colore e lavorazione superficiale.

  •   Ricostruzione a spatola con il metodo veneziano delle zone in stucco a rilievo.
  •   Integrazione pittorica delle piccole lacune da eseguirsi ad acquarello, al fine direstituire una buona leggibilità della superficie decorata.

3

Eventuale integrazione pittorica delle grandi lacune al fine di restituire l’unità di lettura (da decidere dopo aver preso visione dell’esito della pulitura).

Vista la presenza massiccia di sali e umidità si dovrà verificare il trattamento più idoneo per la loro rimozione una volta identificato il motivo della loro presenza. Eventuali impacchi con sali complessati al fine di eliminare depositi più persistenti.

Consolidamento delle parti in stucco, dove necessario, mediante il fissaggio di scaglie e spezzoni di elementi predisposti in maniera tale da garantire l’efficienza meccanica e di eliminare possibilità di eventuali e pericolosi distacchi.

Protezione finale con stesura fina a completa saturazione di protettivo consolidante.

 

Artemisia Restauro d’Arte di Martinato Antonella Via Roma 4, San Nazario 36020 (VI)

Artemisia Restauro d’Arte di Martinato Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *